3^ Biennale di GENOVA - Esposizione Internazionale d'Arte Contemporanea


Graziano Villa, autore di AD Gallery, ha ottenuto il 1° premio nella sezione fotografia alla 3ª Biennale di Arte Contemporanea a GENOVA . Un evento che ha richiamato circa 300 artisti sia italiani che internazionali.

Esposizione Internazionale d’Arte Contemporanea:

Genova, 8 – 22 giugno 2019

le sedi espositive della Biennale: Palazzo Stella – Palazzo Doria Spinola – Palazzo Nicolosio Lomellino – Palazzo Tobia Pallavicino – Palazzo della Borsa – GALATA Museo del Mare – Dipartimento Architettura e Design – Villa del Principe Palazzo di Andrea Doria – Accademia Ligustica di Belle Arti – Capitaneria di Porto – Palazzo Pantaleo Spinola – Palazzo Doria De Ferrari Galliera – Palazzo Senarega – NH Genova Centro – NH Collection Genova Marina – AMW Architettura – circuito delle 38 Botteghe Storiche.

L'opera premiata - collezione "La grandeur di parigi"

Collezione La GRANDEUR di parigi | Graziano Villa

Per decenni ho ritratto personaggi di ogni genere, di ogni strato sociale e culturale, in tanti Paesi del mondo. L'ho fatto per riviste importanti come “AD-Architectural Digest”, “CAPITAL”, “AMICA”, “DOVE”, “CLASS”, “TRAVELLER”, “FORTUNE”, “VANITY-FAIR”, ect.

In questo mio peregrinare in ogni angolo del pianeta sono sempre stato affascinato dalle grandi Architetture che l'Uomo ha costruito per lasciare nel Tempo traccia del proprio passaggio e della propria esistenza. I nomi di tali icone sono scolpiti nella memoria collettiva e  continuano a testimoniare l'audacia dell'ingegno umano: la Torre Eiffel, la Muraglia Cinese, le Piramidi di Giza, le Torri Gemelle del WTC, tragicamente famose, quelle di Kuala Lumpur, il Big Ben di Londra, il “Big Boy”, appena usciti dall'aeroporto di Oslo, il Castello Sforzesco di Milano, i Fiori di Metallo della Défense a Parigi, e così via.

Perché ho deciso di fare questo tributo a Parigi? Perché dobbiamo ricordarci della Francia e di Parigi, Terra di Libertà che, come San Marino, ha dato rifugio a tanti esuli.

Soprattutto in questo momento storico, nel quale Parigi è stata ferita dai nuovi vandali, è giusto dedicare un tributo alla Città della Libertà, della Cultura e dell’Arte dove è nata la Fotografia.

Il mio tributo, consiste in una serie di “Ritratti” alle sue stupende Architetture. 

E parlo di Ritratti a ragion veduta perché, come nel ritrarre le persone, ho tentato di personalizzare questi Giganti, di sceverare e descrivere, amplificandola, la loro struttura grafica, ovvero la loro “anima”. Ho cercato di restituire visivamente l'impatto emozionale che queste meravigliose architetture hanno suscitato su di me: un'impressione altamente soggettiva e dunque non comune perché, alla fine, lo sguardo di ciascuno è comunque, sempre e assolutamente unico e inimitabile. Credo di esserci riuscito.
(Graziano Villa)